Categoria
Lezione

Poche organizzazioni hanno rivolu­zionato giornalismo e diritto all'in­formazione come Wikileaks. Grazie al suo fondatore Julian Assange ha aperto uno squarcio nel velo del po­tere profondo, là dove operano ser­vizi segreti e diplomazie. Un potere su cui il cittadino non può esercita­re alcun controllo. A causa del suo lavoro, Assange rischia il carcere. Come può salvarsi? Quale ruolo ha la tecnologia nella sua rivoluzione? Quanto conta il fattore umano?


RIVEDI L'INCONTRO

Ospiti

Stefania Maurizi

Giornalista investigativa che lavora per "Il Fatto Quotidiano", dopo aver lavorato per 14 anni per "L'Espresso" e "La Repubblica". Ha lavorato a tutti i documenti segreti di WikiLeaks e ha collaborato con Glenn Greenwald ai file di Snowden sull'Italia.

Introduce

Carlo Blengino

Avvocato, svolge la professione esclusivamente nel settore penale. Collabora con alcune riviste on-line ed ha pubblicato lavori con Giappichelli Editore, UTET Giuridica, EGEA ed Aracne Editore.

È fellow del Nexa Center for Internet & Society del Politecnico di Torino ed ha un blog personale sul quotidiano on-line Il Post.