Categoria
Dialogo

L'.umanità è abituata a vedere gli oggetti tecnologici come inerti, ri­gidi e costruiti secondo un progetto predeterminato. Eppure, la scienza dei materiali e il rapido sviluppo della nanotecnologia svelano la capacità delle nuove tecnologie di auto-organizzarsi in strutture com­plesse, sensibili e dinamiche. Gli oggetti materiali si possono consi­derare organismi con una vita pro­pria intelligente?


RIVEDI L'INCONTRO

Ospiti

Vincenzo Santarcangelo

Dottore di ricerca in filosofia della mente e del linguaggio (Università degli Studi di Torino). Insegna Estetica presso l'Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria. Dal 2022 insegna Sostenibilità e Responsabilità presso il Politecnico di Torino, dove ha insegnato Tecniche di Comunicazione e Scrittura dal 2017 al 2020. Dal 2017 è docente a contratto di Teoria della Percezione e Psicologia della Forma allo IED di Milano.

Laura Tripaldi

È scienziata e scrittrice. Ha conseguito un dottorato di ricerca in Scienza e Nanotecnologia dei Materiali all'Università di Milano-Bicocca. Ha collaborato con diverse riviste scrivendo di tecnologia, cultura e arte contemporanea.

Con effequ, ha pubblicato il saggio "Menti Parallele. Scoprire l'intelligenza dei materiali" (2020), tradotto in inglese da "Urbanomic" (MIT Press). Per Einaudi è autrice del saggio "Corpi Ambigui. Sguardi, genere, tecnologia" (2021).