Categoria
Dibattito

Qual è il futuro della disabilità nel mondo iper-tecnologico che si profila nel dopo-Covid? L’Intelligenza Artificiale può aiutare le persone con disabilità a sviluppare pienamente i loro talenti nel lavoro, nello sport e nella vita di ogni giorno. Ma può anche fornire soluzioni alla Pubblica amministrazione, per rendere più sostenibili e più accessibili le sue piattaforme a chi è escluso dalla cittadinanza attiva.

 

È disponibile la registrazione integrale dell'incontro

Ospiti

Roberto Scano

Si occupa di Web oramai dallo scorso millennio, prima come sviluppatore e oggi come normatore. Negli anni ha acquisito competenze trasversali in ambito di comunicazione e sviluppo Web, nonché competenza nella normazione tecnica (W3C, ISO, CEN) che in quella legislativa (supporto ad attività di normazione nazionale). Svolge costantemente attività di monitoraggio e supporto per amministrazioni pubbliche ed aziende, con attività di consulenza (training on the job) e formazione qualificata.

Francesca Fedeli

Attivista dei diritti dei pazienti e delle persone con disabilità, ha fondato insieme a Roberto D'Angelo l'impresa sociale e Fondazione Fighthestroke, che sviluppa soluzioni a favore dei giovani con Paralisi Cerebrale Infantile.

Modera

Luca Paiardi

È architetto, lavora per il Politecnico di Torino e collabora con altre realtà del territorio.

Co-fondatore del progetto viaggioitalia.org e documentarista nel programma Kilimangiaro di Rai3, è anche musicista con la band Stearica ed ex-atleta del mondo paralimpico di wheelchair-tennis.