Viale Mattioli 39, Torino

45.05405267575, 7.6868322002083

Sessioni

Inaugurazione della mostra "La cosa pubblica. Salute, Lavoro, Società nelle collezioni storiche dell'Università e del Politecnico di Torino"

Attraverso il ricco patrimonio dei due Atenei si intende raccontare l'importante sviluppo della scienza in ambi­to medico e tecnico a Torino. I temi della salute pubbli­ca, la prevenzione dagli infortuni sul lavoro, l'attenzione alla casa "per tutti", a cavallo tra '800 e '900, saranno gli stimoli per domande aperte sull'oggi e sul ruolo della scienza per costruire una società più giusta, inclusiva e democratica.

Scopri la mostra a questo link

Manutenzione e innovazione: la tecnologia declinata nel tempo

Il concetto di manutenzione porta una complessa riflessione sul sen­so della durata, nemica del merca­to e della società  che "rimuovono" il tempo. La mancata manutenzio­ne non è solo la causa del malfun­zionamento di un ospedale, o del fluire di un fiume, né una semplice questione di ridistribuzione delle risorse e pianificazione economica. Il legame manutenzione-durata im­plica una teoria economica diversa, una concezione della tecnologia come esercizio di semeiotica.


RIVEDI L'INCONTRO

Quintino Sella e la nascita del Politecnico di Torino

Nel 1859 nasceva la Regia Scuola di Applicazione per gli ingegneri con sede nel Castello del Valentino per volontà di Quintino Sella. Ministro delle finanze dell'Italia unita, espo­nente di una delle famiglie che han­no dato vita all'industrializzazione italiana, alpinista, Sella fu protago­nista della cultura ottocentesca non solo italiana. Il ricordo della sua fi­gura aiuta a comprendere le radici di quello che divenne nel 1906 Poli­tecnico di Torino.


RIVEDI L'INCONTRO

Verso un software per la Scienza Aperta

La Scienza Aperta (l'Open Scien­ce) è un'onda anomala che avrà un durevole impatto sul nostro modo di condurre, condividere e valutare la ricerca. La consapevolezza della necessità di un software open sour­ce aumenta, al pari dell'accesso li­bero ad articoli e dati, nell'impegno di costruire un corpo di conoscen­ze al servizio della società nel suo complesso. I più recenti sviluppi politici verranno esaminati insieme all'iniziativa Software Heritage, vol­ta a preservare e condividere tutte le fonti di dominio pubblico.

 

Prendersi cura con l'ingegneria

A partire dalla riflessione femmi­nista, l'incontro vuole esaminare alcuni aspetti dell'ingegneria della cura, ovvero quell'ambito ingegne­ristico orientato alla progettazione e alla realizzazione di nuove tecno­logie per la salute. Fornendo alcuni esempi, le ospiti discuteranno su come diffondere una narrativa po­sitiva sull'ingegneria della cura e integrare le capacità empatiche con quelle tecniche.


RIVEDI L'INCONTRO

Libri aperti

Che forma dovrebbe avere, oggi, un libro di testo? Perché uno stu­dente non dovrebbe disporre, oltre che della copia cartacea, anche di una versione copiabile e linkabile? L'esperienza degli ultimi due anni ha reso ancora più urgente la necessità di un'integrazione: come possiamo trasformare gli strumen­ti digitali in opportunità per il pro­cesso educativo, fin dai primi cicli di istruzione?


RIVEDI L'INCONTRO

Critica alla ragione manageriale

L'ideologia neo-manageriale sta riscuotendo un successo globale, senza incontrare alcuna resisten­za etica. La ragione di ciò è il suo presentarsi come "tecnica" e non come ideologia quale realmente è. I suoi due principali pilastri ideo­logici sono la teoria dell'incentivo e la meritocrazia, intorno ai quali sarà costruita la lezione di Luigino Bruni.


RIVEDI L'INCONTRO

Strategia Nazionale di Sviluppo Sostenibile: è ora di agire a livello territoriale!

Il 2022 è un anno importante per la definizione delle politiche di Svilup­ po Sostenibile a livello nazionale e internazionale. In questo panel si riuniscono per discuterne gli Atenei del Piemonte, la Rete delle Univer­ sità per lo Sviluppo sostenibile, i rappresentanti della Regione Pie­ monte e dei Ministeri della Transi­ zione Ecologica e della Mobilità e Infrastrutture Sostenibili, OECD e Joint Research Center della Commissione Europea.


RIVEDI L'INCONTRO

Il corpo, il cervello e il mondo (virtuale)

L'essere umano processa infor­mazioni in molti modi. Il nostro cervello decide quali aggregare e quali isolare, seguendo precisi cri­teri spazio-temporali: un processo di integrazione multisensoriale che consente di comprendere la realtà e di agire. Gran parte delle nostre interazioni con oggetti, persone e situazioni si realizzano, oggi, an­che nel virtuale. Il nostro cervello è pronto per tutto questo? Come cambia la biologia umana nel rap­porto con la tecnologia?


RIVEDI L'INCONTRO